FINALMENTE A CASA!

con Davide Pizzigoni

Architetto, pittore, scenografo, costumista, artista poliedrico. Collabora per anni con Olivetti realizzando manifesti, copertine, litografie e serigrafie, disegna accessori e firma campagne pubblicitarie per Bulgari, cura una collana di libri sulle opere liriche. Sue le scene e i costumi di svariati spettacoli per, tra gli altri, lo Staatsoper di Vienna e il New National Theater of Tokyo. Il tema dell’invisibile lo affascina enormemente, e così lo indaga attraverso tre esperienze artistiche indipendenti tra loro: Guardiani, Quellichenoncisonopiù e Il corpo del vuoto. 70+1 è il titolo di una serie di installazioni e performance presentate alla Triennale di Milano nel 2018.

Vai alla collezione

DIALOGO CON 2 MAGLIONI

con Benedetta Barzini

Ha vissuto una vita poco ecologica e molto difficile da sintetizzare. Negli anni ‘60 ha lavorato come modella in America, poi è tornata in Italia e ha svolto diverse attività: giornalista per testate di moda, coordinatrice di corsi monografici per le lavoratrici in fabbrica, venditrice di spazi pubblicitari, infine docente di Antropologia Culturale prima all’università di Urbino, poi al Politecnico di Milano. Lasciato l’insegnamento, ha ripreso a vagabondare tra diverse piccole occupazioni. Ora trascorre le serate a lavorare a maglia, producendo inutili coperte di lana che però contengono piaceri e dispiaceri, racconti, storie di vita. Lo considera un altro modo di scrivere. I punti diventano lettere, le lettere parole e, come in un libro, il tappeto di parole diventa una lettura aperta a ogni interpretazione.

Vai alla collezione

ri.ABITO e Il Signor Qualcuno

con Diletta Cancellato

Diletta Cancellato è una designer specializzata nella maglieria, con sede a Milano.
Fondatrice e designer del marchio di maglieria-couture cancellato, ha l’obbiettivo di spingere la ricerca tecnica nella maglieria sia nello stile, che nelle fasi di sviluppo e produzione e nel contempo di riflettere e raccontare l’intimità ordinaria e la poesia accidentale della società contemporanea.

Vai alla collezione